Reliquiarum servator. Il manoscritto Parigino latino 5690 e la storia di Roma nel Livio dei Colonna e di Francesco Petrarca Zoom

Reliquiarum servator. Il manoscritto Parigino latino 5690 e la storia di Roma nel Livio dei Colonna e di Francesco Petrarca

a cura di Marcello Ciccuto, Giuliana Crevatin, Enrico Fenzi

pp. 586 e 65 ill.

Be the first to review this product

Availability: In stock

Regular Price: €50.00

Now only: €42.50

15% off

Product Description

Details

Il manoscritto Parigino latino 5690 è al centro di curiosità e interessi fin da quando Pierre de Nolhac, nel suo Pétrarque et l’humanisme, gli dedicò pagine che inaugurarono il filone degli studi petrarcheschi culminato nelle rivoluzionarie ricerche di Giuseppe Billanovich sul ruolo di Francesco Petrarca nella tradizione di Tito Livio. Sui margini del manoscritto, splendido codice miniato databile tra il XIII e il XIV secolo, Landolfo Colonna prima e Francesco Petrarca poi lasciarono i segni delle loro letture. Il Colonna riportò anche ampi passaggi del commento di Nicola Trevet, appena arrivato ad Avignone sul tavolo dell’illustre committente, papa Giovanni XXII. Dell’inedito commento a Livio, il codice parigino è sicuramente il testimone più antico, benché parziale. Questo volume ricostruisce la peculiare vicenda del manoscritto pubblicando integralmente le note autografe dei due autorevoli lettori corredate di sistematico commento. Inoltre, per la prima volta, offre un’analisi approfondita delle illustrazioni delle Decadi liviane, suggerendo considerazioni inedite sul rapporto testo-immagine nella coscienza letteraria e artistica di Francesco Petrarca. Cd-rom allegato.

Additional Information

Additional Information

Title Reliquiarum servator. Il manoscritto Parigino latino 5690 e la storia di Roma nel Livio dei Colonna e di Francesco Petrarca
Author (display)
Editing/translations a cura di Marcello Ciccuto, Giuliana Crevatin, Enrico Fenzi
ISBN 978-88-7642-439-7
Publishing year 2012
Subject Letterature e linguistica
Buy link No
Notes No

Anteprima